Omar Khayyam

Gran Bretagna 1893

Questa rosa, intitolata al poeta e filosofo persiano Omar Khayyam (1048-1131), ha un’origine estremamente romantica, ed un fascino molto particolare.

Edward Fitzgerald rese famoso Omar Khayyam nell’Inghilterra del XIX secolo traducendo le sue Rubʿayyāt – poco dopo la sua morte un’altro artista, in visita in Iran, raccolse dei semi della rosa che cresceva sull’antica tomba del poeta-scienziato, e dalla più vigorosa delle piante nate da essi deriva questa rosa, a sua volta piantata sulla tomba di Fitzgerald, nel Suffolk.

Si tratta di un ampio cespuglio dal bel fogliame chiaro, che fiorisce a metà stagione con rose non grandi, irregolari, dai petali involuti e bottoncino centrale, con colori che variano dal rosa medio e al rosa pallidissimo, come nella “Quaitre Saisons”.

Il profumo, ovviamente, è quello perfetto, intenso, dolce e penetrante delle rose damascene.

Note: “Non c’è nessuno che conosca il segreto del futuro. Quello che vi serve è del vino, dell’amore e del riposo a piacere.”

Tipologia: damascena

Caratteristica

Corolla

Tonalità

Rifiorenza

Profumo

Esposizione Consigliata

Dimesione Fiore

Altezza

Indietro